Archivio per badanti

Il 2 Febbraio scorso si sono riunite, presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, le parti firmatarie del CCNL Colf che hanno stabilito i nuovi minimi retributivi 2015 colf e badanti validi per l’anno in corso. Nel seguito dell’articolo trovi maggiori informazioni su cosa sono i mimimi retributivi, sul periodo di validità dei mimimi per colf e badanti, sull’aggiornamento delle indennità di vitto e alloggio per i collaboratori domestici e altre informazioni utili.

Nella seguente tabella sono elencate i nuovi minimi retributivi 2015 per Colf e Badanti: potete trovare il dettaglio delle singole mansioni su sito di Colf Semplice nella sezione Come Fare/Minimi Retributivi.

Convivente Non convivente Copertura*
Livello Tempo pieno Part-time Notturno Paga oraria Paga oraria
A € 620,25     € 4,51  
AS € 733,03      € 5,32  
B € 789,41 € 563,87    € 5,64  
BS € 845,80 € 592,06 € 972,67  € 5,98  
C € 902,20 € 654,07    € 6,31  
CS € 958,58 € 1.102,36  € 6,64  € 7,15
D € 1.294,49      € 7,67  
DS € 1.350,88 € 1.361,76  € 8,00  € 8,62
U € 651,27        

(*) mansioni di copertura dei soli giorni di riposo del lavoratore titolare.

shutterstock 119273842 300x300 Minimi retributivi 2015 Colf e Badanti

Sono stati aggiornati i minimi retributivi 2015 di colf e badanti

Cosa sono i Minimi Retributivi 2015 Colf e Badanti?

Il minimo retributivo di colf e badanti è la più bassa paga, oraria o mensile, che il datore di lavoro domestico è tenuto a erogare, per legge, al proprio collaboratore in seguito alla prestazione lavorativa svolta. Questi importi sono determinati dal livello di inquadramento che è funzione della mansione svolta e del grado di esperienza/formazione del lavoratore.

Da quando valgono i Minimi Retributivi 2015 Colf e Badanti?

Le retribuzioni minime vengono stabilite annualmente da una commissione nazionale, formata dai rappresentanti dei datori e dei collaboratori domestici ed hanno come decorrenza il 1° Gennaio e scadenza il 31 Dicembre dell’anno in corso. Tali importi sono aggiornati ogni dodici mesi secondo gli indici ISTAT di variazione del costo della vita.

Quale è l’importo dell’Indennità di Vitto e Alloggio 2015 di Colf e Badanti?

In concomitanza ai nuovi minimi retributivi 2015 colf è stato reso noto anche il nuovo valore delle indennità di pranzo (€1,90), cena (€1,90) e alloggio (€1,64) per i collaboratori domestici: sommando questi importi si ottiene il totale dell’indennità sostitutiva di vitto e alloggio 2015 per colf e badanti (€ 5,44). L’indennità sostitutiva di vitto e alloggio per colf e badanti viene inserita in busta paga ai lavoratori domestici che, avendone diritto ai sensi del CCNL Colf, non ne fruiscano “in natura”.

I nuovi minimi retributivi 2015 per domestici con superminimo

Il superminimo è la differenza fra la retribuzione pattuita all’inizio del rapporto e la retribuzione minima dell’anno prevista per il livello a cui appartiene il lavoratore. Se nel contratto stipulato fra le parti viene inserito un superminimo (assorbibile), l’aggiornamento annuale delle retribuzioni minime lo decurterà progressivamente e in alcuni casi lo assorbirà completamente. In pratica ad ogni aggiornamento annuale dei minimi retributivi di Colf e Badanti la retribuzione pattuita rimane invariata e il superminimo presente si riduce in misura pari all’aumento dei minimi.
I collaboratori domestici con superminimo e scatti retributivi di anzianità ricevono comunque un lieve aumento retributivo in conseguenza della rivalutazione degli scatti di anzianità del rapporto di lavoro che secondo quanto sancito dal CCNL Colf non sono riassorbibili dal superminimo eventualmente presente.

Come si rivaluta la Busta Paga Colf e Badanti già erogata a Gennaio 2015?

L’aggiornamento pubblicato in data 2 Febbraio 2015 è valido retroattivamente anche per il mese di Gennaio 2015. E’ perciò necessario eseguire una rivalutazione della busta paga erogata nel mese di Gennaio (quando i nuovi mimimi retributivi 2015 di colf e badanti non erano ancora pubblicati) ed assegnare al collaboratore domestico -in una busta paga successiva- una addizionale relativa all’arretrato retributivo. In tutti i servizi Colf Semplice (inclusi Colf Semplice Basic e Colf Semplice Professional) nella busta paga di Febbraio 2015 è presente tanto l’aggiornamento della retribuzione minima, quanto l’aggiunta della compensazione relativa alla busta paga del mese di Gennaio 2015. Il datore di lavoro che si avvale di Colf Semplice a riguardo non deve fare nulla.

Con Colf Semplice risparmi sulla busta paga colf evitando le complicazioni e gli errori

Se vuoi evitare le complicazioni e gli errori delega a Colf Semplice la contabilità della tua colf o badante: saranno i nostri specialisti ad occuparsi di tutte le attività di gestione del collaboratore domestico e tu risparmierai in modo significativo. Colf Semplice supporta i datori di lavoro durante l’iter di assunzione, ogni mese esegue il calcolo delle buste paga, trimestralmente quello dei contributi e a fine anno prepara il prospetto di tredicesima e il sostitutivo CUD per il collaboratore domestico. Inoltre calcola il TFR maturato durante il rapporto di lavoro e le deduzioni fiscali per il datore di lavoro domestico.

Vuoi provare i servizi online di Colf Semplice GRATIS per 30 giorni? Comincia adesso.

In questo articolo parliamo della regolarizzazione badanti e colf ed in particolare chi sono i soggetti interessati, come il datore di lavoro deve procedere per mettere in regola una badante o una colf e le conseguenze dell’assunzione irregolare di un collaboratore domestico.

colf 3 Regolarizzazione badanti e colf: come fare

Regolarizzazione badanti e colf: come fare per mettere in regola un collaboratore domestico e le conseguenze dell’assunzione in nero.

Soggetti coinvolti

I soggetti che sono compresi nella regolarizzazione badanti e colf sono due: il datore di lavoro e il collaboratore domestico.

Datore di lavoro

Il datore di lavoro può essere impersonato da varie figure con diverse caratteristiche. Può trattarsi di un individuo come un cittadino italiano, una persona residente in uno stato membro dell’Unione Europea, un extracomunitario con regolare permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo o con la carta di soggiorno in quanto familiare di cittadino comunitario. Può anche essere formato da più di un singolo individuo, come una comunità religiosa, una convivenza militare o una comunità senza fini di lucro (orfanotrofi e luoghi di assistenza per anziani).

Collaboratore domestico

Anche il collaboratore domestico può essere un singolo individuo con diversi profili. Può essere un cittadino italiano, un abitante di uno stato membro dell’Unione Europea oppure un extracomunitario con permesso di soggiorno in corso di validità che permette di svolgere un’attività lavorativa.

Mettere in regola badanti e colf

Per la regolarizzazione badanti e colf ci sono alcune procedure da svolgere che sono uguali per tutti i collaboratori domestici. Fa eccezione solo il caso della regolarizzazione badanti (o colf) conviventi per cui sono previste delle comunicazioni aggiuntive.

Regolarizzazione badanti e colf non conviventi

Per regolarizzare un rapporto di lavoro domestico di una badante (o colf) non convivente bisogna seguire alcuni passaggi: come prima cosa il collaboratore domestico presenta i propri documenti al datore di lavoro (assunzione badante), poi entrambi concordano sulle condizioni contrattuali. In seguito agli accordi presi fra le parti viene stipulato il contratto di lavoro ed infine si procede alla registrazione del rapporto presso l’INPS.
Tutto ciò può essere eseguito dagli specialisti di Colf Semplice in modo puntuale e conveniente. In questo modo il datore di lavoro non perde tempo ed ottiene un risultato pienamente conforme alle norme previste nel CCNL Colf.

Regolarizzazione badanti e colf conviventi

La regolarizzazione badanti (o colf) conviventi rispetto a quella per i non conviventi comporta alcuni passaggi aggiuntivi. Per legge un datore che fornisce un alloggio nella propria casa ad un collaboratore per più di un mese è tenuto a presentare il modulo compilato di cessione di fabbricato all’autorità locale di Pubblica Sicurezza entro 48 ore dall’inizio del rapporto. Le informazioni che vengono riportate in questo modulo devono contenere: il luogo esatto in cui si trova il fabbricato, i dati del datore, i dati e gli estremi della carta d’identità del collaboratore e il motivo della cessione. E’ perciò necessario registrare il rapporto presso l’INPS entro le 24 del giorno precedente all’inizio del rapporto e poi fare la denuncia all’autorità di Pubblica Sicurezza quando il collaboratore fruisce dell’alloggio.
Anche in questo caso Colf Semplice esegue e mette a disposizione del datore tutto ciò che serve: registra il rapporto all’INPS e fornisce il modulo di cessione di fabbricato, già compilato con i dati richiesti.

Badanti e colf non in regola

Se un datore di lavoro assume un collaboratore domestico in nero o in modo non regolare (senza cioè rispettare tutte le procedure previste) rischia di incorrere in sanzioni sia di tipo civile che penale. Di seguito elenchiamo alcune casistiche.

Mancata comunicazione all’INPS

Se non si comunica l’assunzione di un collaboratore domestico all’INPS è prevista una sanzione per il datore che va da € 200,00 a € 500,00 per ciascun lavoratore impiegato. Questa sanzione può essere cumulata con quella prevista per la mancata iscrizione del rapporto di lavoro presso l’INPS e con quella per i contributi versati in ritardo o non versati. Se non si iscrive il rapporto di lavoro domestico presso l’INPS il datore può incorrere in una sanzione che va da € 1.500,00 a € 12.000,00 per ciascun collaboratore, che aumenta di € 150,00 per ogni giorno di lavoro eseguito.

Contributi versati in ritardo

Un altro esempio è il caso in cui i contributi vengono pagati dopo la data di scadenza del versamento. Questo comporta una sanzione per il datore di lavoro da parte dell’INPS. Se il datore procede spontaneamente al versamento entro 12 mesi dal termine stabilito per il pagamento, l’INPS applica il tasso vigente alla data di erogazione fino ad un massimo del 40% sull’importo da corrispondere nel trimestre. Se vengono superati i 12 mesi si tratta di evasione contributiva e viene sanzionata con un’aliquota che può andare dal 30% al 60% sull’importo evaso nel trimestre.

Permesso di soggiorno scaduto

Il caso più grave è quello di un collaboratore domestico extracomunitario che si trova in Italia senza permesso di soggiorno o con permesso scaduto o revocato. Se un datore assume irregolarmente un collaboratore nelle condizioni precedenti, è prevista una multa di € 5.000,00 e la reclusione da 6 mesi a 3 anni.

Per evitare tutte le problematiche, derivanti dalla mancata comunicazione del rapporto di lavoro all’INPS, dal versamento in ritardo dei contributi e dal permesso di soggiorno scaduto è consigliabile affidare la gestione della regolarizzazione badanti e colf a Colf Semplice: i nostri specialisti seguiranno con convenienza e professionalità tutta la contabilità dei vostri collaboratori domestici.

Volete provare i servizi online di Colf Semplice GRATIS per 30 giorni? Cominciate adesso.

E in esclusiva per il blog di Colf Semplice c’è anche una promozione dedicata: inserendo il codice PROMOGS al momento della registrazione avrete un ulteriore 5% di sconto.

In questo articolo parleremo dei bollettini MAV dei contributi colf ed in particolare come viene calcolato l’importo da erogare, com’è strutturato un bollettino, chi effettua il versamento, quando e come vengono pagati i contributi.

Come calcolare l’importo dei contributi colf

L’importo dei contributi colf si ottiene moltiplicando il numero delle ore retribuite nel trimestre di riferimento con l’importo corrispondente al contributo orario. Quest’ultimo si individua secondo 4 differenti tabelle in funzione del fatto che il rapporto di lavoro sia a tempo determinato e indeterminato e che il collaboratore goda di assegni familiari o meno. L’importo del contributo orario varia a seconda delle ore lavorate settimanalmente e della retribuzione oraria effettiva che è composta dalla retribuzione base a cui vengono aggiunti l’indennità di vitto e alloggio (nel caso in cui spetti) e la tredicesima. Per approfondimenti sulle tabelle dei contributi è possibile consultare anche l’articolo sul sito ColfSemplice.it.
Se si desidera evitare complicazioni, attivando uno dei servizi gestiti di Colf Semplice saranno degli specialisti ad elaborare e inviare ai datori di lavoro i MAV per il pagamento dei contributi INPS. In questo modo, dal momento che i bollettini precalcolati dall’INPS non sempre sono corretti, non c’è il rischio di incorrere in sanzioni causate da un errato versamento contributivo.

tax receipt small Contributi colf e badanti: come fare i bollettini di pagamento

Come sono fatti i bollettini di pagamento dei contributi colf

Composizione bollettino MAV

Il bollettino MAV dei contributi colf contiene al suo interno tutti i dettagli necessari al versamento all’INPS. La prima parte è relativa alla causale del versamento dove vi sono riportati i seguenti dati:

  • codice fiscale di datore di lavoro e collaboratore
  • la sede INPS di riferimento
  • codice che identifica il rapporto di lavoro
  • nome e cognome del datore di lavoro e collaboratore
  • per quale anno e trimestre si effettua il versamento
  • le settimane che sono retribuite nel trimestre
  • il totale delle ore retribuite
  • la retribuzione oraria effettiva
  • l’importo dei contributi INPS
  • il codice dell’organizzazione (normalmente è la Cassa Colf con il codice F2)
  • l’importo di contributi dell’organizzazione (es. Cassa Colf)
  • l’importo totale di contributi colf che corrisponde alla somma fra l’importo dei contributi e quello dell’organizzazione
  • data scadenza del versamento (nel caso di cessazione del rapporto di lavoro, il pagamento va comunque eseguito entro i 10 giorni successivi alla data di fine rapporto)

Sul lato del bollettino è presente una copia del cedolino da rilasciare al collaboratore come attestazione di pagamento dei contributi colf.

Chi effettua il pagamento all’INPS

Il datore di lavoro trattiene mensilmente in busta paga la quota di contributi colf a carico del collaboratore. Successivamente è il datore che versa i contributi all’INPS sia per la propria parte che per la quota del collaboratore. Unitamente ai contributi INPS il datore di lavoro paga anche i contributi per la Cassa Colf, ente che fornisce una copertura assistenziale sanitaria e assicurativa in caso di infortuni sul lavoro del collaboratore.

Quando si procede al pagamento

Il pagamento dei contributi colf avviene per trimestri e segue i seguenti termini:

  • per il primo trimestre: dal 1° al 10 aprile,
  • per il secondo trimestre: dal 1° al 10 luglio,
  • per il terzo trimestre: dal 1° al 10 ottobre,
  • per il quarto trimestre: dal 1° al 10 gennaio,
  • in caso di cessazione del rapporto di lavoro: entro i 10 giorni successivi alla data di fine rapporto di lavoro.

Se l’ultimo giorno utile per il pagamento dei contributi colf coincide con una domenica o una festività, viene aggiunto un giorno, perciò la scadenza è il giorno successivo.

tax bullettin Contributi colf e badanti: come fare i bollettini di pagamento

Bollettino INPS per il pagamento dei contributi colf

Modalità di pagamento dei contributi colf

I contributi colf possono essere versati con diverse modalità:

  • utilizzando il bollettino MAV dell’INPS;
  • online sul sito dell’INPS, entrando nella sezione ‘Lavoratori domestici’;
  • presso gli sportelli postali/bancari, tabaccherie che hanno il logo Servizi INPS.

Troppo complicato? Delegando la contabilità del proprio collaboratore domestico a Colf Semplice pensiamo noi a tutto quello che riguarda la gestione dei contributi INPS (oltre ovviamente alle buste paga e tutto il resto).

Volete provare i servizi online di Colf Semplice GRATIS per 30 giorni?Cominciate adesso.

E in esclusiva per il blog di Colf Semplice c’è anche una promozione dedicata: inserendo il codice PROMOGS al momento della registrazione avrete un ulteriore 5% di sconto.